• Andrea Nadir Orazi

L'Arte e l'Eterna ricerca di uno Spazio per Esistere


L'arte ha oggettivamente bisogno di spazio per esprimersi, molti miei colleghi comprendono a pieno questo bisogno, quanti di noi hanno desiderato creare un'opera ma poi si è sentito/a frenarto/a nel farlo per motivi di spazio? Faccio il mestiere di pittore ed illustratore dal 2008, anno in cui ho iniziato questa meravigliosa avventura; una professione che non si sceglie per motivi economici, ma è una vocazione a cui non si può resistere.

In questi anni ho conosciuto moltissimi artisti, di tutte le discipline, ed una cosa che ho sempre osservato, è che ci ha sempre accomunati la mancanza di spazio; laboratori condivisi, cantine polverose, piccoli spazi angusti, qualsiasi spazio ci è sempre andato bene per creare.

Ora anche quelle piccole oasi creative stanno scomparendo, si hanno sempre meno risorse per poter realizzare un laboratorio creativo. Questo è stato uno dei tanti motivi che mi ha fatto fuggire da Milano, città che mi ha dato i natali come artista, in cui ho fatto la mia prima collettiva e mostra individuale.

Devo molto a Milano, ma sono consapevole che con il senno di poi è una città che si è incancrenita creativamente, e non sto parlando solo della situazione covid, questo impoverimento creativo è avvunuto anni prima.

Quello che vorrei comunicare ai miei colleghi è che ora più che mai dovremmo rimanere uniti, mettendo da parte pregiudizi, invidie ed asce di guerra. So bene che in un lavoro di nicchia come il nostro, questi sentimenti sono sempre esistiti e probabilmente sempre esisteranno.

Ma credo anche che mai come oggi il mondo abbia fame di Artisti, proprio perchè abbiamo il compito di educare il prossimo alla bellezza, dovremmo lottare per riconquistare lo spazio che ci hanno tolto, così da tornare a praticare il nostro sacro mestiere.

Con affetto

Un vostro Collega


22 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti